5 consigli per un Halloween ecologico

19 Giu 2020

5 consigli per un Halloween ecologico

Halloween è ormai da anni, una festa molto famosa anche in Italia, pur essendo originaria degli Stati Uniti.
Quella del 31 ottobre è una serata davvero gettonata, soprattutto per i più piccoli che amano travestirsi e andare in giro per la città chiedendo: “Dolcetto o Scherzetto?”

Visto il gran numero di partecipanti in tutto il mondo, abbiamo mai pensato a che impatto possono avere questi festeggiamenti sull’ambiente?
Basta pensare a tutti gli incarti delle caramelle, ai costumi che spesso sono acquistati all’ultimo nei supermercati e gettati il giorno dopo, le decorazioni e le stoviglie in plastica…

Ma se iniziassimo a festeggiare un Halloween più ecologico non sarebbe meglio per tutti?
Con i consigli giusti è facile essere eco-friendly e ridurre gli sprechi, sia economici che ambientali, per potersi godere una festa senza preoccupazioni.
Le cose a cui fare attenzione non sono molte, ma già dalla scelta dei costumi o dei dolci si può fare la differenza.

Vediamo quindi 5 consigli utili e facili da adottareper un Halloween ecologico.

1.Scegliere il costume giusto ma ecologico

Il costume giusto di Halloween deve essere spaventoso e comodo, specialmente per i più piccoli. Purtroppo però queste due caratteristiche le si cercano in abiti fatti per la maggior parte di plastica, praticamente usa e getta, che si trovano al supermercato oppure online.
Questo tipo di travestimento ha un enorme impatto ambientale, specie se lo moltiplichiamo per tutti i bambini, ma anche gli adulti, che amano travestirsi la notte del 31 ottobre.

Per evitare di inquinare l’ambiente esistono bene due soluzioni:

  1. Creare un vestito “fai-da-te” con vecchi abiti, lenzuola oppure comprando la stoffa e chiedendo aiut ad una sarta ( se non abbiamo grandi capacità sartoriali)
  2. Affittare il costume per la notte di Halloween.

2.Preparare dolci, dolcetti e caramelle in casa

Il nemico numero uno dell’ambiente, in questi ultimi anni, è stata sicuramente la plastica. Motivo per cui, al momento di scegliere i vostri spaventosi dolcetti, sarebbe meglio optare per quelli che impiegano meno plastica nelle confezioni.

La soluzione migliore sarebbe, di certo, cucinare in casa  biscotti, salatini, dolcetti, l’ impatto ambientale sarebbe molto ridotto e la genuinità garantita.

Purtroppo però non sempre si ha il tempo di cucinare e allora potreste acquistare dolcetti ecologici non fasciati uno ad uno nella plastica oppure recarvi in un negozio equosolidale.

3.Cestelli e sacchetti riutilizzabili

Se i vostri bambini parteciperanno al classico “dolcetto o scherzetto” vicino casa, sarà necessario un contenitore dove mettere il bottino della serata.
Solitamente si utilizza una zucca di plastica, che il giorno dopo finisce nella spazzatura. Di certo questa è la soluzione più pratica e facile da reperire, ma di fatto non è altro che l’ennesimo piccolo tassello verso un ambiente ancora più inquinato.

Quest’anno potreste provare ad utilizzare un sacchetto in tessuto, personalizzabile, magari proprio da vostro figlio, su cui apporre delle toppe in tema Halloween, decorabile con stencil per tessuti. In questo modo il sacchetto potrà essere riutilizzato anche l’anno prossimo.

4.Decorazioni fatte a mano

Come per i costumi anche per le decorazioni sono due le vie per realizzarle in modalità “eco-friendly”:

  1. affittarle
  2. realizzarle a mano


Ci sono moltissimi spunti per la creazione di addobbi perfetti per un Halloween ecologico, utili anche per essere riutilizzati gli anni successivi.
Un esempio è quello di utilizzare barattoli di vetro decorati a tema con all’interno una candela, oppure ancora realizzare delle decorazioni con cartoncino e filo. L’idea è quella di smaltire oggetti che dovreste buttare, oppure che non usate più per dar loro un’altra destinazione d’uso.

5.Stoviglie e tovaglia riciclabili

Un altro consiglio, che potrebbe sembrare banale ma che spesso non viene seguito, per un Halloween più ecologico è quello di utilizzare forchette, coltelli, piatti e bicchieri riciclabili al vostro party.

Scegliete tovaglie di cotone, magari quelle più rovinate o lise che potete strappare, colorare, rendere ancora più personalizzate per il vostro spaventoso party di Halloween. Potete anche cucirci sopra qualche toppa per aumentare l’effetto da brivido.
Potete creare dei sottopiatti a forma di zucca utilizzando e colorando dei pezzi di cartone, magari recuperando le scatole vuote dei supermercati oppure come tovaglioli dei brandelli di vecchie lenzuola.

Conclusione

Ci sono moltissimi modi per trascorrere un pauroso ed ecologico Halloween, basta un po’ di volontà, qualche idea creativa e sicuramente anche qualche ora libera.
Pensate però se ognuno di noi si impegnasse concretamente per realizzare un party di Halloween rispettando l’ambiente, di certo riusciremmo a fare un passo verso un futuro più green.

Potrebbe interessarti anche questo articolo: consigli utili per un Natale ecologico.


Lascia un commento