La sanificazione dei campi in erba sintetica

19 Giu 2020

La sanificazione dei campi in erba sintetica

Abbiamo ampiamente parlato dello studio sull’effetto battericida di detergenti alcalini in impianti sportivi in erba sintetica, reso necessario dalle analisi che riscontravano una forte presenza di batteri  potenzialmente pericolosi sui campi da gioco come escherichia coli, pseudomonas aeruginosa, oltre a stafilococchi.
Questo studio ha portato La Figc ad approvare un Regolamento per regolarizzare i campi da calcio in “erba artificiale” destinato ad ospitare i campionati F.I.G.C. – LND sino alla Serie “D” e S.G.S. Regolamento Standard approvato dalla C.I.S.E.A. in data 07 dicembre 2018. 

La sanificazione dei campi in erba artificiale con detergenti igienizzanti attestati dalla Cisea, la commissione impianti sportivi erba artificiale della Lega Nazionale Calcio Dilettanti, è stata resa obbligatoria. Con questa decisione – che la Federazione italiana ha preso prima in Europa – l’Autorità sportiva ha mostrato di ritenere estremamente importante la protezione della salute degli atleti e di chiunque altro pratichi questi campi di gioco.

Perché sanificare il campo in erba sintetica

Oltre all’adempimento normativo obbligatorio, la sanificazione si rende necessaria per difendere la salute dell’individuo con particolare attenzione ai minori, ed il rispetto dell’ambiente. Ma non solo, infatti la sanificazione rientra nel piano di manutenzione utile per la corretta conservazione dei campi in erba artificiale ed il mantenimento dell’omologazione rilasciata dalla LND. 
Il proprietario/gestore dei campi dovrà mantenere apposita documentazione che attesti la corretta e costante esecuzione dei piani di manutenzione e sanificazione come previsto dal regolamento della LND.


Come si effettua la sanificazione dell’erba sintetica

Per un corretto mantenimento del terreno di gioco, compreso il “campo per destinazione”,  questo deve essere sanificato almeno ogni due mesi utilizzando esclusivamente detergenti ad azione sanificante persistente nel tempo che abbiano ottenuto l’attestazione di prodotto detergente dalla LND, e che rispettino la normativa presente nel Decreto del 22 gennaio 2014 pubblicato in Gazzetta Ufficiale in data 12 febbraio 2014.

La procedura si compone di diverse fasi, che possiamo dire essere sostanzialmente 4:

  1. trattamento con un detergente del manto erboso sintetico, per la preparazione del terreno stesso
  2. manto erboso cosparso con un prodotto sanificante certificato, tramite l’utilizzo di un nebulizzatore e tenuto in posa per 20 minuti.
  3. il campo viene spazzolato longitudinalmente e trasversalmente
  4. risciacquo 

Di chi è la responsabilità dell’attuazione della norma per la sanificazione dei campi in erba sintetica?

Far applicare la norma della FIGC è responsabilità dei comuni. I primi cittadini, infatti, dovrebbero fare in modo che le norme della FIGC siano rispettate e applicate per far sì che tutti possano giocare in sicurezza.
Questa tematica sta diventando sempre più attuale, e la conoscenza e la sensibilizzazione su questi interventi sempre più importante.
 

Scrivici per ulteriori informazioni o per un preventivo di sanificazione della tua struttura.


Lascia un commento